Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:GROSSETO22°27°  QuiNews.net
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
sabato 18 settembre 2021

SORRIDENDO — il Blog di Nicola Belcari

Nicola Belcari

Ex prof. di Lettere e di Storia dell’arte, ex bibliotecario; ex giovane, ex sano come un pesce; dilettante di pittura e composizione artistica, giocatore di dama, con la passione per gli scacchi; amante della parola scritta

In tv

di Nicola Belcari - lunedì 07 dicembre 2020 ore 12:14

Quando non potrai uscire di casa, quando ti sentirai solo, quando sentirai il bisogno di migliorarti, di essere aggiornato e magari divertito, accendi la TV. 

Guarda le trasmissioni chiamate reality, nelle quali, per antifrasi, di reale c’è poco o nulla (se non lo squallore) e per fortuna, perché la realtà non appassiona; segui poi i programmi d’intrattenimento lunghi un intero pomeriggio, potrai essere messo a parte delle confidenze più intime e segrete dei personaggi di quell’ambiente, opinionisti, cantanti, showgirl, showman, ecc., figure ormai entrate nella vita dei telespettatori come cari conoscenti, apprenderai la loro umanità, i loro affetti, le incomprensioni che hanno subito all’inizio della carriera e stai sicuro che avranno il buon gusto e la generosità di sorvolare su tutti i compromessi che hanno accettato per arrivare al successo (sacrifici d’altronde spesso molto relativi). 

Farai la conoscenza di grandi personalità e scoprirai gusti e preferenze, dove passano le vacanze, dove “gli” prude e se trovano giovamento nel grattarci. Ti preserverai al sicuro dalla cultura, fonte di dubbi inutili e d’intralcio alla serenità, dalle riflessioni poco pratiche sulla vita e sul mondo. Sarai sempre à la page, informato su tutto ciò di cui si chiacchiera, dell’ultimo film, dell’ultima moda, ecc., senza mai approfondire troppo un argomento sennò sarebbe noioso, e vivrai felice e contento, si fa per dire.Il clou di questo “genere” di spettacolo è quello in cui dei rappresentanti dei due sessi, di una certa avvenenza o appetibili, gagliardi giovanotti e procaci signorine, mostrano la merce e sono riuniti per l’accoppiamento, un po’ come i nostri contadini facevano con i conigli nel “gabbione”, e ci scusiamo con i simpatici animali per il confronto. 

Allora, per reazione, riscoprirai il valore della pudicizia, della segretezza di un incontro e di una relazione: operazione raffinata quanto meritoria. Encomiabile!Volendo non farsi mancare niente ci sarebbe la tv del dolore, del pianto in diretta, quella “sentimentale”, dello sputtanamento, coi panni sporchi lavati rigorosamente in piazza, e anche quella del litigio, vero, finto, provocato, meglio se con accenno di rissa con i contendenti che chiedono di essere trattenuti.Fin qui nulla di nuovo: è la tv spazzatura. Lo sanno tutti e gli autori ne vanno fieri. Un gioco delle parti li unisce ai protagonisti e al pubblico. Questa tv non fa danni. Se non su chi ormai è lobotomizzato o decerebrato.

Ma ecco una novità, la nuova frontiera: la trasmissione meno becera chiama come partecipante colui che è divenuto famoso per essere un po’ debole di comprendonio e nonostante ciò essere arrivato a ricoprire una carica pubblica di prestigio, con conseguente scandalo. Lui accetta, recita se stesso e gli riesce senza fatica, sicuro che rendersi ridicolo gli gioverà in più modi.Poi si fa sul serio. Arriva l’uno-due. Una certa tv sembra assolvere per paradosso i compiti d’informare in maniera faziosa e diseducare con nonchalance, come sostengono i malevoli con indegne esagerazioni, che non condividiamo e da cui si prendono le distanze.

Con alcuni TG, e non solo, avrai notizie scelte e presentate tendenziosamente, sotto il controllo di direttori o conduttori lì messi con quello scopo dai partiti. Anche se riteniamo si tratti di simpatie innocenti e semmai lodevoli espressioni di gratitudine. Non manca una vetrina giornaliera per dichiarazioni di esponenti politici fatta di slogan triti e ritriti, ripetuti a pappagallo. Si prosegue con qualche fatto di cronaca, per finire con i compleanni di cantanti, altre ricorrenze o le vicende della casa reale inglese.

Con i giochi a premi imparerai che nella vita ciò che conta è la fortuna, lo studio e il lavoro sono una perdita di tempo, solo il caso, elevato a divinità, può aiutarti nel modo più ferocemente arbitrario; premi assolutamente sproporzionati ribadiranno che il merito non esiste e i nostri figli con queste lezioni di vita devono abituarsi a subire le ingiustizie e ad affidarsi alla sorte così come capita nella vita vera. Sarebbe semplice stabilire dei premi modesti in rapporto alla frequenza con cui si distribuiscono e alle abilità richieste. Perché non farlo? Per non rinunciare a offendere tutti coloro che si alzano la mattina per andare al lavoro e diseducare i giovani? La messinscena comporta inoltre che si definiscano “campioni” degli individui che si sono trovate alla fermata del tram con destinazione tv; tutto si svolge nella rivalsa della mediocrità e dei mentecatti contro l’ingiustizia dell’intelligenza e dei preparati.

Ci sono parecchie trasmissioni apprezzabili, anche a detta dei più ostili e astiosi, nonché incontentabili detrattori che le considerano un po’ la foglia di fico di un ciarpame dilagante.Tutto ciò è di un’ovvietà disarmante, vecchiume e moralismo sorpassato; ci vuole poco a immaginare il ghignetto di compatimento di un giovane a fronte a siffatte considerazioni, egli è ormai mille leghe più avanti. La battaglia contro questa tv è perduta, la sconfitta è definitiva e senza rivincite. Come si fa a dire banalità da vecchio rimbambito e barbogio? A questo siamo ridotti.

Nicola Belcari

Articoli dal Blog “Sorridendo” di Nicola Belcari

Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS