Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:40 METEO:GROSSETO15°  QuiNews.net
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
mercoledì 03 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Fedez si commuove a fine esibizione e abbraccia Michielin

Politica sabato 30 gennaio 2016 ore 14:15

"La politica ha svenduto la salute dei cittadini"

A dirlo è il candidato a sindaco Vivarelli Colonna a margine del convegno "Le conseguenze della riforma sanitaria in Maremma"



GROSSETO — “Una riforma della sanità regionale imposta senza ascoltare i suoi operatori e, soprattutto, senza considerare le tipicità e le differenze fra i territori della Toscana”. Commenta così Antonfrancesco Vivarelli Colonna, candidato a sindaco di Grosseto, intervenendo al convegno “Le conseguenze della riforma sanitaria in Maremma” cui partecipavano anche Stefano Mugnai, coordinatore regionale di Forza Italia e vicepresidente della commissione sanità del Consiglio regionale della Toscana, Sandro Marrini, coordinatore provinciale di Forza Italia, e Luca Agresti, Capogruppo di Forza Italia al Comune di Grosseto.

“Quella della Maremma e dell’Amiata è una zona della Toscana piuttosto complessa – spiega Vivarelli Colonna –, caratterizzata da una scarsa popolazione, piuttosto anziana, distribuita su un territorio vasto e difficilmente collegato. Già marginale e condannato ad una ulteriore marginalità da scelte politiche che devono guardare necessariamente altrove.”

Vivarelli Colonna ha poi criticato il livello qualitativo della Sanità nella provincia di Grosseto: “Negli ultimi anni la politica ha svenduto la salute dei nostri concittadini: tagli al personale e ai servizi hanno impoverito in maniera drammatica l’offerta sanitaria grossetana. Ed il futuro non appare certo più roseo: la riorganizzazione dei distretti socio sanitari ed una direzione generale sempre più lontana non fanno ben sperare. Mentre altrove si decidono tagli e riorganizzazioni, a Grosseto i pazienti devono solo sperare per la propria salute. È evidente che così proprio non va”.

L’impegno che Vivarelli Colonna si è assunto, una volta sindaco, è quello di essere presidio costante perché cittadini e operatori possano avere un punto di riferimento diretto e aperto: “È l’unico modo per non essere condannati ad essere periferia – prosegue Vivarelli Colonna -. Dobbiamo ascoltare la voce dei territori e del mondo associazionistico medico, sanitario e sociale. Un sindaco efficace, che funziona, dovrà essere un interlocutore autorevole con la Regione. Solo così sarà possibile evitare il taglio dei posti letto nei pronto soccorso, negli ospedali e nelle strutture private convenzionate, in particolar modo dell’ospedale di Grosseto ora che, con l’accorpamento con Siena e Arezzo, si avvicina la riorganizzazione dei dipartimenti interaziendali.”

Vivarelli Colonna, infine, ha parlato dei progetti della sua coalizione nel governo della sanità grossetana: “Dovremo ricostruire un sistema che è stato demolito, partendo da una chiara idea di servizi che vogliamo erogare: prevenzione primaria, cure domiciliari, educazione nelle scuole saranno i nostri punti di riferimento. Possiamo, infine, contare su un personale sanitario altamente professionale che negli ultimi anni è stato umiliato e demotivato da una politica tragicamente miope: dobbiamo ripartire da loro, dal loro talento e dalla loro passione per creare un sistema efficace a tutela della salute dei nostri cittadini”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità