Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:GROSSETO22°27°  QuiNews.net
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
sabato 18 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Eitan Biran, parla il nonno paterno: «Un giorno mi dirà 'hai fatto tutto il possibile per salvarmi'»

Attualità mercoledì 29 giugno 2016 ore 12:07

Urologia, chirurgia microinvasiva con il 3D

Il dottor Valerio Pizzuti

Con questa nuova dotazione gli interventi per le patologie dell’apparato urinario saranno ancora più precisi e meno invasivi



GROSSETO — L'ospedale Misericordia di Grosseto è stato dotato di una nuova colonna laparoscopica a 3D per l'Urologia. Questo strumento consentirà di svolgere interventi più precisi e meno invasivi nelle patologie dell'apparato urinario, grazie alla visuale tridimensionale.

“Anche per l’apparato urinario, come in altri campi della chirurgia, la spinta della ricerca scientifica è verso interventi sempre meno invasivi e più conservativi degli organi trattati - spiega il dottor Valerio Pizzuti, dal 2009 direttore dell’Urologia dell’ospedale Misericordia - in modo da consentire al paziente di tornare ad una vita il più possibile normale".

Prima, infatti, gli interventi sul rene, la prostata e la vescica portavano conseguenze invalidanti con forti limitazioni anche della vita sociale. Oggi, quando ci sono le condizioni per operare con la chirurgia microinvasiva, si può intervenire asportando solo la parte malata dell’organo e conservandone le funzioni fisiologiche. 

La nuova dotazione sarà molto importante anche nella cura dei tumori, grazie proprio alla combinazione di nuove tecniche chirurgiche e terapie oncologiche sempre più mirate ed efficaci.

Il dottor Pizzuti è già noto nel grossetano per aver effettuato con la sua equipe, nel 2006, un'asportazione della prostata con un robot, mentre nel 2012 ha fatto un intervento di asportazione del tumore del rene conservando l’organo e, nello stesso anno, è stato effettuato un intervento di ricostruzione della vescica, con tecnica robotica, che fino a pochissimi anni fa veniva fatto in soli tre centri in tutta Europa.

Ogni anno, l’equipe dell’Urologia, composta oltre da Valerio Pizzuti, anche dagli urologi Roberto Nucciotti, Francesco Mengoni, Fabrizio Viggiani, Fabio Costantini, Alessandro Bragaglia e Giandomenico Passavanti, effettua circa 200 interventi per patologie dell’apparato urinario con tecnica minivasiva, con indubbi vantaggi per i pazienti, come la riduzione delle complicanze, la rapida ripresa fisica, il decorso post-operatorio più favorevole e la minore durata della degenza.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le due vittime erano ricoverate all'ospedale Misericordia, dove i ricoverati sono ancora 18. I nuovi positivi sono 15, ecco dove abitano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS