Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:GROSSETO21°35°  QuiNews.net
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
martedì 23 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane

Attualità martedì 19 settembre 2023 ore 12:12

A scuola merenda sana solo per un terzo degli alunni

pane e marmellata

Un bambino su 4 è in sovrappeso, ma quando la campanella suona la ricreazione dalla maggioranza delle cartelle escono spuntini grassi e calorici



TOSCANA — A scuola con la merenda sana solo per un terzo degli alunni toscani, mentre per gli altri a ricreazione escono dalle cartelle spuntini grassi, sbilanciati sotto il profilo nutrizionale, o bibite supercaloriche. E intanto un bambino su 4 è sovrappeso.

Il dato arriva da Coldiretti Toscana a pochi giorni dal rientro in classe. L'associazione ha riattivato la collaborazione con l'ufficio scolastico regionale che coinvolge il movimento Donne impresa e Campagna amica per il contrasto al cibo spazzatura fra i ragazzi. Il progetto “Lo sviluppo sostenibile e l’educazione alimentare” nello scorso hanno scolastico ha coinvolto 800 classi e 20mila studenti circa.

Obiettivo dell'iniziativa è promuovere una genuina, variegata ed equilibrata alimentazione partendo stagionalità dei prodotti agricoli e dalla vita all’aria aperta, inserendo fra astucci e libri non junk food ma piuttosto frutta fresca, yogurt o un panino al formaggio magari con un succo di frutta. 

In Toscana, spiega la delegata Donne impresa di Coldiretti Michela Nieri, il rischio legato alla cattiva alimentazione fra i più piccoli è reso plasticamente evidente dalla condizione di sovrappeso di un quarto di loro: "La cattiva alimentazione gioca sicuramente un ruolo chiave insieme alla sedentarietà", afferma. "Il nostro obiettivo è invertire la pericolosa rotta", aggiunge.

Secondo gli ultimi dati della sorveglianza Okkio alla Salute, coordinata dall’Iss, solo il 32,4% dei bambini consuma una merenda adeguata di metà mattina, il 65,4% la fa inadeguata e il 2,2% non la fa per niente. 

Più della metà dei bambini (55%) consuma una merenda di metà mattina troppo abbondante, ossia con un eccesso di grassi e zuccheri. Molto conta ciò che si mette nei distributori automatici, sempre più diffusi e in grado di accogliere come snack anche prodotti naturali e di stagione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno