Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:35 METEO:GROSSETO19°29°  QuiNews.net
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
martedì 15 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Modena, assalto a un portavalori sull'A1: chiodi e spari

Attualità sabato 30 settembre 2017 ore 08:00

Sei Toscana, debiti e stipendi d'oro

Deliberato un aumento da 300mila a 460mila euro dei compensi del cda della società dei rifiuti, commissariata dopo l'inchiesta sulla maxigara truccata



SIENA — Non bastavano lo scandalo della maxi-gara da tre miliardi e mezzo di euro truccata, i debiti accumulati nei confronti dei Comuni, i costi elevatissimi dei servizi. Sei Toscana, la società che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti nelle province di Siena, Arezzo e Grosseto è finita nuovamente nella bufera per la decisione del consiglio di amministrazione di aumentarsi i compensi da trecentomila e 460mila euro. Decisione avallata l'11 settembre dall'assemblea dei soci, seppure con molte defezioni e contestazioni. Anche perchè Sei Toscana è commissariata e quindi le funzioni dei membri del consiglio di amministrazione sono alquanto ridotte.

L'aumento dei compensi, al momento non ancora operativo, non riguarda il presidente Roberto Paolini che non ha voluto partecipare all'operazione. Riguarda invece gli altri membri e il nuovo amministratore delegato Marco Mairaghi, ex sindaco di Pontassieve che, al momento di accettare la nomina, dichiarò di voler assumere l'incarico a titolo gratuito. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore sul territorio provinciale sono oltre la metà di quelli rilevati nell'intera Asl Sud Est
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

CORONAVIRUS