Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:GROSSETO17°  QuiNews.net
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
mercoledì 21 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lupo a spasso nel centro abitato di Pescara: il video dell'incontro

Cronaca domenica 22 gennaio 2023 ore 13:40

Furti in mezza Italia, presi dopo rocambolesco inseguimento

arresto di polizia

Un furto in Versilia ha portato a smantellare un trio che aveva colpito lungo lo Stivale e in Toscana fra le province di Grosseto, Pistoia e Prato



MASSAROSA — Furti in mezza Italia, solo in Toscana commessi nelle province di Grosseto, Pistoia e Prato: la polizia di Stato di Lucca ha smantellato il trio dopo l'ennesimo furto commesso questa volta in Versilia, a Massarosa, dopo un rocambolesco inseguimento con i malviventi a bordo di un'auto noleggiata in Francia e guidata da un uomo senza patente.

E' successo tutto ieri, quando i poliziotti hanno arrestato tre uomini di 26, 37 e 38 anni con l'accusa di furto aggravato, denunciandoli anche per ricettazione. In auto con loro viaggiava una donna incinta che è stata denunciata per il solo furto commesso a Massarosa.

Sì proprio da lì, dal furto della borsa di una signora di 80 anni commesso fuori da un supermercato, la polizia è partita con l'intervento poco dopo mezzogiorno. Era segnalato un veicolo in fuga dopo l'episodio, e la volante ha presto intercettato la vettura intimando l'alt. Ma l'uomo al volante no, non si è fermato accelerando a tutta birra verso Viareggio con manovre e sorpassi spericolati per sfuggire all'inseguimento durato svariati chilometri.

Poi la manovra repentina, l'inversione del senso di marcia e la fuga proseguita verso Lucca. E' intervenuta dunque la squadra mobile, che si è portata sulla via per Camaiore trovando l'auto verso il ponte del Giglio ancora lanciata a gran velocità e con la volante all'inseguimento.

L'equipaggio ha rallentato e alla fine ha costretto l'auto in fuga a fermarsi, evitando tra l'altro un tamponamento. I quattro a bordo - i tre arrestati e la donna denunciata - sono stati immobilizzati. Avevano con sé un telefono cellulare e altri oggetti risultati poi essere provento di furto fra cui alcuni documenti, oltre alla somma di 1.215 euro. E' stato tutto sequestrato, così come l'auto, ma a quel punto sono partiti gli accertamenti che hanno rivelato la catena di episodi riconducibili ai tre uomini, uno dei quali con passaporto di altra persona è stato denunciato anche per questo.

E' venuto fuori che parte della refurtiva era stata sottratta al mattino a Prato, altri oggetti invece erano stati rubati a Cisterna di Latina lo scorso 8 Gennaio. I tre, irregolari sul territorio nazionale, sono risultati pluripregiudicati per furti affini commessi nelle province di Roma, Grosseto, L’Aquila, Pistoia, Prato, Milano e Terni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno