Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:02 METEO:GROSSETO15°  QuiNews.net
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
sabato 06 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Orietta Berti: «Ho sentito tanti stonare, credono che cantare sia facile»

Attualità sabato 14 ottobre 2017 ore 11:36

Differenziata, maglia nera da Arezzo a Grosseto

La raccolta differenziata in Toscana è al 51%, male da Arezzo a Grosseto. Fratoni: "Ci penalizza il calcolo. Puntare sulle grandi città"



FIRENZE — Nel 2016 in Toscana la raccolta differenziata sale al 50,99% con un incremento di 1,2 punti rispetto all'anno precedente. È quanto attestano i dati della Regione in relazione alla gestione dei rifiuti. Il nuovo sistema di calcolo, però, frena la corsa. Con la vecchia metodologia la quota di immondizia riciclata salirebbe al 51,99%: si tratterebbe di un punto secco di differenza. 

Rispetto al passato, infatti, vengono ad esempio conteggiati gli inerti da costruzione e demolizione di provenienza domestica, i rifiuti organici derivanti dal compostaggio domestico, oltre agli scarti di rifiuti ingombranti e gli avanzi da spazzamento delle strade avviati a recupero. La produzione di residui urbani l'anno scorso ha toccato i 2,31 milioni di tonnellate, in aumento del 2,7% rispetto a un anno prima. Il dato pro capite è a sua volta lievitato da 600 a 617 chilogrammi per abitante. 

L'efficienza maggiore nel riciclo di rifiuti si è registrata nell'Ambito territoriale Toscana Centro (Firenze, Pistoia, Prato) con il 55,4% in calo del 2% rispetto al 2015. Segue l'Ato Toscana Costa (Livorno, Massa Carrara, Pisa) col 54,9% in aumento di oltre 2 punti. Chiude l'Ato Toscana Sud (Arezzo, Grosseto, Siena e Val di Cornia) con un 38,19% e una limatura ulteriore dello 0,8% rispetto a 12 mesi prima. 

Nessuno ha superato il livello del 65% di differenziata prescritto dalla normativa nazionale. "Pur nel passaggio al nuovo metodo di calcolo che in parte penalizza i dati di raccolta differenziata storici, manteniamo un trend positivo- commenta l'assessore all'Ambiente, Federica Fratoni-. Dobbiamo ancora fare molto, gli obiettivi sono ancora lontani, ma la strada è ben intrapresa". 

La sfida adesso, conclude Fratoni, "riguarda il contributo che può arrivare dai grandi centri urbani. Lavoreremo con i Comuni per raggiungere insieme questo obiettivo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità