QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 12°16° 
Domani 10°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
lunedì 16 dicembre 2019

Politica venerdì 29 novembre 2019 ore 11:50

Sì al Piano di Protezione Civile ma va modificato

L'atto relativo è stato approvato nell'ultima seduta del consiglio comunale ma in commissione già si era capito che dovrà essere "aggiustato"



GROSSETO — Il Consiglio comunale approva il Piano di Protezione civile: l’assemblea grossetana ha votato a maggioranza l’adozione del documento dopo che, nella scorsa seduta, il testo era stato rinviato in Quarta Commissione per ulteriori approfondimenti e, da quell’assise, rimandato in discussione oggi con procedura di urgenza. Il Consiglio ha inoltre deciso di attivare una commissione speciale per lavorare alle modifiche al Piano.

“Abbiamo deciso di approvare il Piano di protezione civile così come elaborato perché non possiamo permetterci di correre rischi di alcun tipo, soprattutto in questo periodo dell’anno – ha commentato Antonfrancesco Vivarelli Colonna, Sindaco di Grosseto -. Ma rimaniamo coerenti con il percorso compiuto fino ad oggi, consapevoli che ogni cosa sia perfettibile. Per questo oggi adottiamo uno strumento che ci indica come comportarci in caso di emergenza ma, al contempo, attiviamo una commissione che già da domani sarà all’opera per apportare quelle
modifiche necessarie per avere presto un Piano efficace ed efficiente”.

A norma dell’articolo 23 comma 11 del Regolamento consiliare, sarà quindi istituita una commissione tecnica speciale nella quale siederanno figure professionali tra quelle naturalmente dedicate alla materia: un membro per i Lavori pubblici, uno per l’Urbanistica, uno per la Protezione civile, uno per i Vigili del fuoco, un rappresentante del mondo del volontariato, un tecnico del genio civile della Regione ed uno proveniente dal settore pianificazione della Provincia.

“Si tratta di un piano molto complesso - ha aggiunto il primo cittadino -e dà certezza su come agire in maniera puntuale. Il Piano che adottiamo oggi è frutto di una gestazione lunga due anni, vidimato dalla Regione, dalla Prefettura, dalla Provincia. Sono comunque fiducioso dei miglioramenti che arriveranno dal lavoro della commissione speciale”.



Tag

Cosa vedeva Santori dal palco e le proposte delle sardine

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità