Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:GROSSETO22°27°  QuiNews.net
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
sabato 18 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Eitan Biran, parla il nonno paterno: «Un giorno mi dirà 'hai fatto tutto il possibile per salvarmi'»

Toscani in TV mercoledì 26 maggio 2021 ore 17:08

Cristina Gimignani in tv a “Costume & Società”

Cristina Gimignani

La scrittrice originaria di Grosseto ha presentato il romanzo storico “La lettera e la dama” basato sul Carteggio di Giorgio Vasari.



GROSSETO — Autrice, sceneggiatrice, giornalista, scrittrice e conduttrice di programmi per RadioRAI, Cristina Gimignani, originaria di Grosseto, è una donna di molteplici talenti. Numerose le sue pubblicazioni, tra cui citiamo gli ultimi romanzi: “Sangue cuore e fiamma”, (2013 – Eclettica) che vince il premio Fiorino d’argento per la narrativa a Firenze, “Garofani al potere”, (2014 - Eclettica) e nel 2015 “Maremma bianca”, un libro-intervista sulla storia dell’ospedale di Grosseto. In un servizio di Dorotea Gambardella per la rubrica del Tg2 “Costume & Società”, Gimignani racconta la genesi della sua ultima fatica letteraria. 

“La lettera e la dama” è un romanzo storico basato sul Carteggio di Giorgio Vasari, che intreccia le vicende della protagonista, narrate in prima persona e ambientate nella Roma contemporanea, a quelle storiche ispirate alla Firenze dei Medici e in particolare alla figura di Giorgio Vasari poco conosciuto come politico: “Giorgio Vasari è noto come pittore, architetto e storico dell’arte – ha commentato nell’intervista l’autrice – ma fu in realtà una figura più complessa”. Vasari visse alla corte di Cosimo I de’ Medici ma ebbe relazioni di affari con la famiglia dei Farnese, l'influente e nobile dinastia del Rinascimento italiano, che governò il Ducato di Parma e Piacenza, dal 1545 al 1731.

L’intenzione della scrittrice grossetana è quella di raccontare nella forma del romanzo storico, la grandezza del nostro Rinascimento con uno sguardo alla tradizione esoterica dei romanzi d’oltremanica. L’idea, nata da un moto di orgoglio per la storia italiana ricca di spunti e creatività, ha comportato due anni di ricerche, confluite in un racconto avvincente di avventure e leggende che legano passato e attualità: “Scrivere romanzi storici è difficile, perché si è sottoposti a un controllo puntuale rispetto alla veridicità, all’attendibilità e all’interpretazione di quanto si è scritto. In più oggi la ‘Memoria’ è considerata quasi una colpa” – ha esternato Gimignani, poi concludendo – “Invece per me ricordare è sintomo di dignità”. 

Elisa Cosci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le due vittime erano ricoverate all'ospedale Misericordia, dove i ricoverati sono ancora 18. I nuovi positivi sono 15, ecco dove abitano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS