Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:GROSSETO13°24°  QuiNews.net
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
mercoledì 22 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video del rapimento di 5 soldatesse israeliane il 7 ottobre, insulti e sangue

Attualità venerdì 24 marzo 2023 ore 11:56

Crescita tassi, allarme delle imprese grossetane

Confartigianato Imprese Grosseto ha lanciato un allarme a nome delle imprese grossetane per la crescita dei tassi di interesse di 50 punti base



GROSSETO — Allarme delle imprese grossetane per la crescita dei tassi di interesse “Preoccupa la scelta del Consiglio direttivo della Banca centrale europea di applicare un ulteriore rialzo dei tassi di interesse di 50 punti base, con l’obiettivo di contenere l’inflazione" lo ha detto Mauro Ciani, segretario provinciale di Confartigianato Imprese Grosseto.

"La decisione, che sembrava essere stata messa in discussione a seguito del fallimento delle banche statunitensi e del crollo della Borsa di Credit Suisse, è stata invece confermata nei giorni scorsi. La conseguenza è che dal 22 Marzo il tasso sui depositi è aumentato al 3%, quello sul rifinanziamento principale del 3,5% e sul rifinanziamento marginale del 3,75%. Proprio adesso che le imprese, soprattutto le piccole imprese artigiane, avrebbero più bisogno di risorse per reagire al caro energia e pagare i debiti contratti durante la pandemia - prosegue il segretario di Confartigianato Imprese Grosseto - il sistema bancario mette i freni. Non solo i prestiti sono erogati con il contagocce, ma qualora le imprese riescano ad accedere al credito, devono sborsare oneri finanziari troppo elevati sui mutui contratti. L’aumento dei tassi di interesse è senza dubbio un fattore molto penalizzante per la sopravvivenza di tante aziende che si sono indebitate in questi anni. Tra l’altro la ripresa economica post pandemia che aveva fatto ripartire l’inflazione sembra essersi fermata. E se adesso i prezzi continuano a salire, purtroppo non è per la crescita economica quanto per ragioni di carattere puramente speculativo, legate all’incremento dei prezzi dell’energia e delle materie prime. Continuare ad aumentare i tassi portandoli a livelli davvero insostenibili per aziende e famiglie, rischia di generare l’effetto esattamente opposto rispetto a quello atteso dalla Bce.”

“Questa nuova complicazione, l’ennesima che si trovano ad affrontare le nostre imprese – conclude il segretario Mauro Ciani - mette ancora una volta in risalto le estreme fragilità e le contraddizioni del sistema finanziario internazionale, che anziché operare al servizio dell’economia reale finisce per danneggiarla. Per reagire occorre la volontà politica di sperimentare nuove soluzioni tese a garantire alle imprese stabilità e un credito sano. La separazione tra banche commerciali e di investimento potrebbe essere una delle strade da seguire, certamente non l’unica, per salvaguardare l’economia, dalle operazioni finanziarie più rischiose che scatenano le crisi.”


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il bambino è stato trovato senza vita nella cabina della mamma, accusata di omicidio come le altre due membre dell'equipaggio con lei nell'alloggio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità