QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi -1°3° 
Domani -0°6° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
martedì 20 febbraio 2018

Attualità venerdì 02 febbraio 2018 ore 12:20

Papa Francesco torna in Toscana

Papa Francesco

A maggio il pontefice farà visita alla comunità fondata da don Zeno Saltini a Nomadelfia e alla cittadella del Movimento dei Focolari a Loppiano



FIGLINE INCISA — Giovedì 10 maggio Papa Francesco sarà di nuovo in terra toscana. Il pontefice si recherà in visita pastorale prima a Nomaldelfia (vicino Grosseto) dove incontrerà la comunità fondata da don Zeno Saltini, e poi a Loppiano (Figline Incisa) dove visiterà la Cittadella Internazionale del Movimento dei Focolari. Lo annuncia il direttore della sala stampa vaticana, Greg Burke.

Loppiano è la prima delle cittadelle dei Focolari, sorta nel 1964, sulle colline toscane vicino a Firenze. Attualmente conta circa 850 abitanti: uomini e donne, famiglie, giovani e ragazzi, sacerdoti e religiosi, di 65 nazioni dei cinque continenti. Più di metà degli abitanti vi risiede stabilmente mentre altri partecipano ad una delle 12 scuole internazionali che prevedono una permanenza da 6 a 18 mesi.

"La componente internazionale e multiculturale, che ha fatto sua la legge dell'amore scambievole, fa di Loppiano un laboratorio di convivenza tra persone diverse per età, condizione sociale, tradizione, cultura e fede religiosa", spiegano i Focolari.

Nomadelfia è una frazione del comune di Grosseto ed una comunità di cattolici praticanti, che cercano di vivere adottando uno stile di vita ispirato a quanto riportato negli Atti degli Apostoli. A Nomadelfia non sono tutti i membri della comunità ma, solo coloro che compiuti i 21 anni decidono liberamente di aderire al modello di vita, definito "proposta", che punta a un ritorno alla "chiesa delle origini". Non si utilizza denaro e i nomadelfi che ottengono guadagni fuori dalla comunità li versano a questa che provvede poi a dare a ognuno i beni di cui necessita. Il disabile o l'anziano non vengono assistiti solo dalla famiglia, ma dalla comunità stessa. L'educazione obbligatoria ai bambini viene data da membri della comunità durante l'anno, mentre gli esami annuali sono sostenuti da questi come privatisti.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità