QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 13°15° 
Domani 10°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
lunedì 11 dicembre 2017

Cronaca martedì 19 settembre 2017 ore 13:41

Tragedia Erasmus, è di nuovo archiviazione

Il tribunale spagnolo ha archiviato nuovamente l'inchiesta contro l'autista del bus dell'incidente in Catalogna. Le vittime furono 13 di cui 3 toscane

AMPOSTA — Il giudice del tribunale di Amposta, in Catalogna, ha nuovamente archiviato la posizione di Santiago Rodriguez Jimenez, 62 anni, il conducente dell'autobus che il 20 marzo 2016 perse il controllo del mezzo sull'autostrada fra Barcellona e Valencia, finendo fuori strada. Il pullman si ribaltò e nell'incidente persero la vita tredici studentesse universitarie che stavano frequentando l'Erasmus. Sette erano italiane e fra queste c'erano tre ragazze toscane: Valentina Gallo, fiorentina, Lucrezia Borghi di Greve in Chianti ed Elena Maestrini di Gavorrano, in Maremma.

Il giudice non ha ritenuto che ci fossero indizi sufficienti per accusare di imprudenza l'autista. Jimenez ha dichiarato in aula che a suo avviso l'incidente è stato provocato dalla pioggia, dato che lui aveva riposato durante una breve sosta a Valencia e poi, messosi alla guida senza aver nè bevuto alcolici nè assunto altre sostanze, era sempre rimasto vigile, senza colpi di sonno o distrazioni.

E' la seconda volta che la magistratura spagnola chiude l'inchiesta sulle responsabilità della tragedia senza individuare responsabili. Nel novembre scorso il fascicolo era stato archiviato senza neppure interrogare il conducente del pullman ma poi le indagini furono riaperte grazie alla mobilitazione dei familiari delle vittime, profondamente indignati per l'atteggiamento degli inquirenti spagnoli.

"Consiglio ai genitori di non mandare i propri figli in Spagna - ha commentato con rabbia Alessandro Saracino, padre di Serena, una delle tredici vittime - e ai turisti si scegliere un'altra meta per i loro viaggi. Perchè sembra che nessuno sia responsabile di ciò che accade sulle loro strade".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Lavoro