QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 13° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
mercoledì 17 gennaio 2018

Attualità lunedì 08 gennaio 2018 ore 16:00

Un patto per le città intelligenti

Regione, Anci e Confservizi Cispel Toscana hanno siglato un protocollo per lo sviluppo delle smart cities a Firenze, Prato, Pisa, Grosseto e Siena



FIRENZE — Tutti insieme, al lavoro, per promuovere le smart cities. Nelle città intelligenti, abitanti e imprese svolgono infatti meglio le proprie attività, consumano anche meno energia, perdono meno tempo, organizzano il lavoro in modo più razionale ed efficace, accedono più facilmente alle informazioni utili; ma gestire progetti smart, avvicinare le città alle esigenze dei cittadini o promuovere processi di innovazione senza che nessun territorio rimanga indietro richiede un coordinamento che superi la frammentazione delle autonomie locali e delle varie aziende di servizi pubblici.

Regione, Anci e Confservizi Cispel Toscana hanno siglato un protocollo per la promozione e lo sviluppo delle smart cities che, in questa fase, coinvolge metà dei Comuni capoluogo: Firenze, Prato, Pisa, Grosseto e Siena. Successivamente potranno siglare l'intesa altre città toscane (capoluogo e non), aggregazioni territoriali e piccoli Comuni per usufruire dei servizi digitali grazie alla banda larga ormai presente in tutta la regione e alla banda ultralarga in arrivo.

Regione, Confservizi Cispel e Anci hanno scelto di lavorare insieme, con alcuni obiettivi strategici comuni dal punto di vista energetico, ambientale, informativo, tecnologico e sociale. Se Regione Toscana ha inserito le politiche sulla Smart City nel Programma regionale di sviluppo 2020 e Anci Toscana già eroga servizi nel settore dell'Itc, Confservizi Cispel Toscana – che riunisce sotto la sua egida le aziende di servizio pubblico locale, dai trasporti, all'edilizia residenziale pubblica, all'energia, al servizio idrico, ai rifiuti, alle telecomunicazioni – ha già svolto, d'intesa con i Comuni e il sistema delle Camere di commercio, un'analisi delle attività e dei progetti smart dei comuni e delle società partecipate.

"La Toscana sta facendo salti in avanti in tema di innovazione – commenta Vittorio Bugli, assessore alla presidenza con delega, tra l'altro, allo sviluppo della società dell'informazione -. Con la banda larga che copre tutto il territorio regionale, e l'ultralarga che sta arrivando, dobbiamo prepararci a implementare la diffusione di servizi per avere città sempre più intelligenti. Per fare questo dobbiamo essere in grado, così come abbiamo fatto per superare il digital divide delle connessioni e delle infrastrutture, di diffondere su tutto il territorio quello che le città più grandi stanno già facendo. Definiremo linee guida e standard di servizio valide per tutta la regione, proponendo queste buone pratiche, partendo dal censimento dei progetti e dei servizi in essere nelle nostre città".

Al protocollo potranno aderire anche università e centri di ricerca e tra le prime azioni individuate, oltre alla stesura delle linee guida e del censimento dei servizi, c'è la definizione di un piano operativo composto da un primo gruppo di progetti di smart city da realizzare nei Comuni in collaborazione con le società̀ partecipate e da coordinare a livello regionale, l'affidamento alle società partecipate responsabili dei progetti per lo sviluppo operativo e industriale delle smart cities e l'analisi e l'individuazione delle possibili fonti di finanziamento, nazionali ed europee.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca