QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 15° 
Domani -0°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
sabato 18 novembre 2017

Attualità sabato 14 ottobre 2017 ore 11:36

Differenziata, maglia nera da Arezzo a Grosseto

La raccolta differenziata in Toscana è al 51%, male da Arezzo a Grosseto. Fratoni: "Ci penalizza il calcolo. Puntare sulle grandi città"

FIRENZE — Nel 2016 in Toscana la raccolta differenziata sale al 50,99% con un incremento di 1,2 punti rispetto all'anno precedente. È quanto attestano i dati della Regione in relazione alla gestione dei rifiuti. Il nuovo sistema di calcolo, però, frena la corsa. Con la vecchia metodologia la quota di immondizia riciclata salirebbe al 51,99%: si tratterebbe di un punto secco di differenza. 

Rispetto al passato, infatti, vengono ad esempio conteggiati gli inerti da costruzione e demolizione di provenienza domestica, i rifiuti organici derivanti dal compostaggio domestico, oltre agli scarti di rifiuti ingombranti e gli avanzi da spazzamento delle strade avviati a recupero. La produzione di residui urbani l'anno scorso ha toccato i 2,31 milioni di tonnellate, in aumento del 2,7% rispetto a un anno prima. Il dato pro capite è a sua volta lievitato da 600 a 617 chilogrammi per abitante. 

L'efficienza maggiore nel riciclo di rifiuti si è registrata nell'Ambito territoriale Toscana Centro (Firenze, Pistoia, Prato) con il 55,4% in calo del 2% rispetto al 2015. Segue l'Ato Toscana Costa (Livorno, Massa Carrara, Pisa) col 54,9% in aumento di oltre 2 punti. Chiude l'Ato Toscana Sud (Arezzo, Grosseto, Siena e Val di Cornia) con un 38,19% e una limatura ulteriore dello 0,8% rispetto a 12 mesi prima. 

Nessuno ha superato il livello del 65% di differenziata prescritto dalla normativa nazionale. "Pur nel passaggio al nuovo metodo di calcolo che in parte penalizza i dati di raccolta differenziata storici, manteniamo un trend positivo- commenta l'assessore all'Ambiente, Federica Fratoni-. Dobbiamo ancora fare molto, gli obiettivi sono ancora lontani, ma la strada è ben intrapresa". 

La sfida adesso, conclude Fratoni, "riguarda il contributo che può arrivare dai grandi centri urbani. Lavoreremo con i Comuni per raggiungere insieme questo obiettivo".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Attualità

Politica