QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GROSSETO
Oggi 12° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News grosseto, Cronaca, Sport, Notizie Locali grosseto
martedì 10 dicembre 2019

Attualità venerdì 15 novembre 2019 ore 10:13

Un bambino su dieci nasce prematuro

Le iniziative organizzate dalla patologia neonatale di Grosseto in occasione della giornata mondiale del prematuro. I dati dell'Ausl Toscana sud est



GROSSETO — Nell'Ausl Toscana sud est un bambino su 10 nasce prematuro. A renderlo noto è la stessa azienda, annunciando le iniziative in programma in occasione della Giornata mondiale del prematuro, istituita nel 2008 e riconosciuta dal Parlamento Europeo grazie alla European Foundation for the Care of Newborn Infants.

La Patologia Neonatale di Grosseto coordinata dal dottor Marcello De Filippo organizza una festa per i piccoli prematuri e i loro genitori alla quale parteciperanno anche gli operatori sanitari che li accudiscono al Misericordia.

L'appuntamento è per domenica 17 novembre, dalle 15 in poi, nella Sala della Chiesa San Francesco. L'obiettivo è quello di creare un'occasione di incontro e confronto su un'esperienza comune. Contemporaneamente, in reparto, ci sarà una merenda con i genitori dei piccoli ricoverati e la consegna delle creazioni dell'associazione Cuore di Maglia.

"Nel 2019, fino a ottobre -  sottolinea l'Ausl sud est- sono 130 i neonati ricoverati in Patologia neonatale di Grosseto e di questi 41 sono affetti da prematurità".

"L'assistenza al prematuro al Misericordia- dichiara la dottoressa Susanna Falorni, direttore di Pediatria e Neonatologia- da molti anni si avvale di un team multidisciplinare composto da neonatologo, fisioterapista, neuropsichiatra, infermiera pediatrica, tecnico audiologico e pediatra di famiglia che prenderà in carico il neonato una volta a casa. Con questa gestione la famiglia è accolta e guidata, creando così un rapporto di fiducia ed empatia che va al di là dell'impegno professionale".

"Come riportano all'unanimità le linee guida nazionali e internazionali - si legge ancora nella nota dell'Ausl sud est- l'età femminile al di sopra dei 35 anni costituisce un fattore di rischio per le principali e più gravi complicanze della gravidanza, come diabete e ipertensione gestazionali e ritardo di crescita. Negli ultimi decenni si è assistito a un progressivo incremento dell'età materna, che è passata da 25 a circa 37 anni. Secondo l'esperienza del Centro di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) della Sud Est, l'età delle donne che ricercano tecniche di PMA è salita fino a una media di 40 anni, tanto che nell'ultima delibera regionale l'età limite si è spostata da 43 a 46 anni. In aggiunta a questo, il 40 per cento delle prestazioni riguarda l'eterologa femminile, legata alla ridotta riserva ovarica per età avanzata. Questi dati evidenziano come siano in costante e rapido aumento le pazienti con età materna avanzata, che avranno, quindi, maggiore possibilità di configurare casi di gravidanza ad alto rischio, con necessità di ambulatori dedicati per un'assistenza adeguata".



Tag

Anziano accoltellato a Milano, De Corato: «I delinquenti devono restare in carcere»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca